martedì 10 dicembre 2019

Ultimo appuntamento con Dremel per un DIY di Natale

Quando ho iniziato la collaborazione con Dremel vi avevo promesso quattro appuntamenti, quindi: dopo il "pannello per le chiavi di casa" di maggio, i "quadretti collana e spilla" di luglio, il DIY autunnale composto da "collana, alamari e bottoni" pubblicato a settembre, ecco un addobbo natalizio realizzato con l'aiuto di Dremel 3000.
Con le rondelle di legno ricavate dai rami (che avevo utilizzato anche per realizzare i bottoni) ho ricoperto una vecchia pallina ormai rovinata... chi non ne ha?
Con lo strumento per levigare sono riuscita a rendere bello anche il legno danneggiato dalla pioggia che è caduta impietosa durante l'autunno, la differenza tra il "prima" e il "dopo" è incredibile!
Le ho incollate con la colla vinilica su una pallina coperta di filo e dopo aver fatto asciugare per una notte ho passato nuovamente l'utensile per levigare sulla superficie. La pallina così rivestita può diventare sia un addobbo per l'albero sia un soprammobile.
Grazie Dremel Italia per questa collaborazione, è stato veramente piacevole lavorare con voi.
Con quest post colgo l'occasione per augurare a tutti buon Natale... Ci rivediamo nel 2020!

martedì 29 ottobre 2019

Tornano le dimostrazioni Gluey Bosch da Leroy Merlin

Anche questo autunno Bosch ha organizzato tante dimostrazioni nei punti vendita Leroy Merlin per svelarvi tutti i segreti di Gluey, la penna incollatrice! Vi ricordate di lei? Si tratta di un piccolo dispositivo alimentato a batterie ricaricabili, che rimpiazza alla grande la vecchia pistola per la colla a caldo. La sua maneggevolezza la rende inoltre uno strumento perfetto per le decorazioni natalizie, quindi oltre alle più classiche creazioni di home décor ci saranno addobbi e idee per i pacchetti regalo. Se volete assistere alle mie dimostrazioni, mi troverete a Corsico il 16 novembre e ad Assago il 24 novembre.
Ma Gluey è anche una bellissima idea regalo, questo è il pensiero di Bosch per il Natale 2019: regalare la creatività! Ci sono molti utensili che possono diventare un pensiero perfetto da mettere sotto l'albero, a seconda delle passioni del destinatario. Permettergli di svolgere in autonomia un lavoro utilizzando la strumentazione migliore in commercio significa regalare qualcosa di più di un semplice oggetto.
In questo anno, come ho utilizzato Gluey? Posso dire che è stata la mia alleata nella realizzazione di tanti lavoretti, ma soprattutto in occasione di un pomeriggio speciale tra amiche per realizzare il fiocco nascita di Filippo! Quando la mia amica Marianna ha manifestato il desiderio di realizzare con le sue mani l'addobbo per celebrare la nascita del suo bambino, io e Sara (un'altra amica con una manualità strepitosa, infatti realizza dei capi di sartoria da sballo) abbiamo deciso di aiutarla. Il mio contributo è stato portare la penna incollatrice e l'entusiasmo necessario per mostrare anche a una ragazza poco avvezza alla creatività che tutto fosse possibile. In poche ore, senza bisogno di cucire, un gufetto in mongolfiera è stato pronto per diffondere l'arrivo di un bambino.
Quante volte vi siete dovuti accovacciare per terra perché la presa della corrente non era vicina al tavolo su cui stavate lavorando? Questa scocciatura è finita! Se verrete a trovarmi vi mostrerò tutto il potenziale di Gluey... vi aspetto ;)

martedì 24 settembre 2019

DIY autunnale: collana, alamari e bottoni in legno

Qualche mese fa nelle stories su Instagram qualcuno mi avrà vista raccogliere alcuni rami caduti nel cortile del mio ufficio, ma la stagione giusta per mostrarvi il loro utilizzo è giunta adesso. Con il primo fresco viene voglia di trovarsi in un bosco a raccogliere funghi e castagne, quindi il legno è un materiale che risuona familiare. L’autunno mi spinge sempre a usare tonalità e materiali caldi.
Ecco quindi il frutto della mia raccolta pronto per essere trasformato. Ho adoperato Dremel 3000 e tre diversi accessori: la lama da taglio, lo strumento per levigare con il nastro abrasivo e le punte da foratura. Ho realizzato una cinquantina di perline di legno, tre coppie di alamari e alcuni bottoni. Mentre lavoravo mi sono venute in mente molte altre idee che realizzerò più avanti, intanto vi illustro questi progetti.
Con la lama da taglio ho realizzato dei segmenti dai rami più sottili della lunghezza di cui avevo bisogno: da un centimetro in su per le perline e alcuni centimetri per gli alamari. Se avete una postazione di lavoro sarà ancora più semplice, ma io sono un po' randagia e mi piace fare le cose in libertà.
A questo punto ho bloccato i segmenti più piccoli in una morsa e li ho forati con la punta da trapano. Il legno è molto morbido quindi questo lavoro si è rivelato molto semplice, bisogna solo fare attenzione a mantenere una posizione perpendicolare rispetto al piano.
Ho deciso di lasciare le perline rustiche, senza levigarle e senza applicare nessuna vernice per mantenere il calore naturale di questo materiale.
Per ottenere gli alamari ho levigato le estremità con la carta abrasiva e ho praticato due fori. Sono stati semplici da realizzare e amo il risultato.
Con il ramo più grande ho realizzato alcuni bottoni. Per prima cosa ho rimosso la corteccia, poi ho tagliato delle rondelle.
Ho forato anche questi dischetti e ho ricavato la forma dei bottoni classici. Alcuni li ho levigati con la carta abrasiva, altri li ho lasciati con la corteccia. Erano quasi identici, eppure è bastato questo gesto per ottenere due varianti molto diverse tra loro. Quali preferite?
Sono partita da quattro rami abbattuti dal maltempo e ne ho ricavato le perline con cui ho assemblato una collana (più un'altra decina che non ho ancora deciso come utilizzare), tre coppie di alamari e otto bottoni. Una piccola scorta di materiali che torneranno presto utili.
Adesso ho in mente di realizzare alcuni bottoni giganti e decorarli con il pirografo oppure dipingerli... come sempre ho più progetti per la testa di quanti ne riesca materialmente a realizzare. Quelli che riuscirò a portare a termine li vedrete direttamente sul mio profilo Instagram contrassegnati con l'hashtag #dremelstories. Vi aspetto!

martedì 20 agosto 2019

Riutilizzare i barattoli di vetro

Si parla spesso di riciclo creativo, ma a volte vengono prodotti oggetti inutili oppure vengono applicate tecniche poco ecologiche (per esempio bruciando la plastica), quindi credo che si perda un po' l'ideale ambientalista che dovrebbe esserci alla base. In questo progetto l'unico materiale di consumo inquinante è quello che ho utilizzato per l'etichetta: l'impatto non è completamente zero, ma la mia idea è di ottenere dei contenitori da riutilizzare e riempire con prodotti sfusi quindi penso che lo spreco verrà ammortizzato. Fatemi sapere la vostra opinione!
Ho sempre amato riutilizzare i barattoli di vetro per riporre pietanze sfuse e materiali per i miei lavori di fai da te, ma questa volta ho pensato di spingermi un po' più in là: sono arrivata a mettere i vasi di vetro anche in bagno! In estate soffro di eritemi e devo lavarmi spesso con l'amido di riso, quindi ho preparato un contenitore adatto a riporlo sul lato della vasca da bagno. L'etichetta è stata plastificata proprio per resistere all'umidità.

Il materiale principale è un grande vaso di vetro che aveva contenuto qualche alimento, in questo caso uno yogurt. Per prima cosa occorre lavarlo e farlo asciugare molto bene.
Per staccare le etichette non ho voluto sprecare troppa acqua e ho trovato un sistema più efficace: la gomma per cancellare. Essendo una disegnatrice ho una grande scorta di gomme e quelle meno belle le conservo per questo scopo. Basta passare la gomma sui residui di carta e colla e questi si toglieranno con facilità.
A questo punto ho realizzato un'etichetta che potesse sopportare l'umidità del bagno senza rovinarsi subito. Mi sono procurata della carta adesiva e della plastica adesiva trasparente, poi ho utilizzato i miei amati timbri e una fustella per stondare gli angoli (ovviamente anche una scritta a penna e un ritaglio a mano saranno adatti allo scopo, il gusto è personale).
Ho scritto il nome del prodotto (nel mio caso il già citato "amido di riso") e ho decorato l'etichetta. Per proteggerla ho applicato la plastica adesiva trasparente.
Questo materiale può essere acquistato nei colorifici anche in quantità molto esigue, quindi senza spreco e a un prezzo molto contenuto. Inoltre è bello entrare in un colorificio e osservare quello che acquistano le altre persone!
Dopo aver fatto aderire bene la plastica senza formare bolle, ho rifinito gli angoli e l'etichetta era così pronta per essere applicata al barattolo.
Partendo da questo progetto piuttosto basilare proverò a realizzare altri contenitori, vi terrò aggiornati! Dobbiamo muoverci verso un futuro senza plastica e spero che sia uno stimolo per tutti a trovare soluzioni alternative. Per esempio anche in alcune catene di supermercati biologici accettano di riempire direttamente i tuoi barattoli o sacchetti e non è obbligatorio utilizzare quelli in plastica che sono messi a disposizione della clientela.
Il barattolo fa la sua bella figura nell'angolo della mia vasca da bagno. Il prossimo passo sarà eliminare le spugne sintetiche, quando quella in foto sarà del tutto rotta cercherò di acquistare una "luffa" che è quella con l'impatto minore in assoluto. Voi la utilizzate?



martedì 16 luglio 2019

Collana e spilla con opere d'arte

Quante volte viene pronunciata la frase: "Il corpo umano è un tempio e come tale va curato e rispettato"? Non metto in dubbio la sua veridicità, anche perché il suo autore era una persona più saggia di me, però io in questa occasione ho deciso di trattare il mio corpo come una galleria d'arte... Esibendo alcune opere come gioielli!
Non ho applicato un unico criterio per la scelta delle opere: per la spilla ho scelto la pittura metafisica semplicemente perché la trovo adatta a un ornamento, mentre la collana è un omaggio al libro su Kirchner che ho letto per preparare l'esame di Estetica appena sostenuto. Entrambi i ritagli di carta provengono da una rivista d'arte che mia sorella aveva deciso di buttare e a cui ho voluto dare nuova vita.
La tecnica di base che ho utilizzato è quella del decoupage: ho applicato le immagini su una base in mdf tagliata poco più grande del ritaglio di carta e poi ho incollato la cornice tagliata e levigata con il multiutensile Dremel 3000 (la levigatura è stata fondamentale per far combaciare le parti, bisogna procedere poco per volta e perfezionare sempre di più). Per l’opera di Kirchner ho scelto un bordo in legno più elaborato e l’ho colorato con l’acrilico oro, volevo che l’effetto fosse di pura e vistosa ostentazione.
Per il ciondolo ho applicato sul retro due attaccaglie da quadro (ne basterebbe anche una, ma volevo far passare un cordone molto grosso quindi ho utilizzato questo trucco) e per la spilla ho incollato una base di metallo e l’ho coperta con della stoffa adesiva.
Se vi piacciono gli accessori vistosi e l’arte, provate a copiare la mia idea! Io sicuramente realizzerò altri ciondoli con le mie opere preferite da sfoggiare durante l’estate. Buone vacanze a tutti!
P.S. L’esame di estetica è andato molto bene, anche se non ho indossato la collana per non sembrare ruffiana agli occhi del docente :D
Ci rivediamo a settembre con un nuovo progetto DIY in compagnia di Dremel!

martedì 14 maggio 2019

Pannello per le chiavi di casa DIY

Chi mi segue su Instagram si sarà già accorto che da qualche tempo ho intrapreso una collaborazione con Bosch. Così dopo l’esperienza con Gluey adesso mi sto cimentando con il Dremel 3000.
Ho utilizzato il sistema multiutensile in alcune fasi di questo progetto e mi ha semplificato il lavoro. Ma lo racconto con ordine…
Con l’aiuto di mio padre avevo intagliato una sagoma di legno a forma di casetta e volevo trasformarla in un pannello al quale appendere le chiavi di casa. Utilizzando i cilindri per levigatura con il nastro abrasivo ho levigato i bordi prima di dare una mano leggera con il colore acrilico bianco (con il quale ho tracciato anche la forma del tetto). Sempre con l’acrilico ho riportato la scritta “casa” utilizzando gli stencil. A questo punto dovevo montare i gancini con la vite e per ottenere una guida ho praticato dei fori utilizzando il Dremel 3000. La cosa più importante è che i fori devono essere di un diametro inferiore alla vite, quindi utilizzando il mandrino autoserrante ho montato una punta molto fine (questi accessori non erano in dotazione, ma la gamma di utensili in vendita è molto ampia e si adatta a tantissime esigenze). Ho avvitato i ganci aiutandomi con una pinza e ho applicato sul retro un biadesivo da parete per applicarlo al muro.
Ho attaccato il pannello sulla parete accanto alla porta di ingresso e ho iniziato subito a usarlo. I progetti utili sono quelli che danno più soddisfazione.
P.S. Bosch mi ha inviato il prodotto in cambio di pubblicazioni sui miei canali, quindi per trasparenza troverete un po’ ovunque l’hashtag AD. Ci tengo a dire che ho accettato questa collaborazione perché ritengo questo utensile estremamente valido e vi racconterò che cosa ho costruito con il suo aiuto.

martedì 7 maggio 2019

Stimolare la creatività

La scorsa settimana sono stata ispirata da Barbara, una blogger con la quale scambio sempre con piacere opinioni e riflessioni, su un argomento che mi sta molto a cuore: stimolare la creatività. Esistono dei metodi efficaci? In particolare voglio soffermarmi su un paio di approcci che ritengo vincenti con i bambini, ma vorrei fornire due consigli anche per gli adulti che desiderano allenare la loro creatività.

CREATIVITA’ PER I BAMBINI
I bambini hanno una fantasia sconfinata, spesso superano le nostre aspettative e vanno oltre i limiti razionali che ci poniamo noi adulti. Allora perché è necessario fare qualcosa per incrementarla? Non voglio sembrare una vecchia cinica e anacronistica, però la grande quantità di giochi a disposizione dei bambini del ventunesimo secolo ha assopito la loro creatività. Ho chiaro il ricordo di quando mi annoiavo durante la mia infanzia e in quei momenti ero spinta a inventare un nuovo gioco oppure scatenavo la fantasia per disegnare e inventare storie. Esiste ancora la noia? Io cerco di ovviare a questo problema in due modi:

- Mettere i bambini di fronte a una sfida
Quando mi trovo a tenere dei laboratori per i più piccoli, loro non sempre iniziano il lavoro con entusiasmo. A volte chiedono che sia io a svolgere i compiti che ritengono più difficili senza neanche provare da soli. Allora cerco di agire in questo modo: dopo aver mostrato loro alcuni esempi realizzati da me, chiedo loro che altro si potrebbe fare (Tu che cosa faresti? Qual è il tuo colore preferito? Che animale ti piace?) e poi li metto davanti alla sfida più importante dicendo “Fammi vedere!” A quel punto partono in quarta, felici di avere conquistato il mio interesse e volenterosi di dimostrarmi che la loro idea può funzionare. Perché le sfide più belle non sono quelle per superare gli altri, bensì quelle con noi stessi.

- Attirare da subito la loro attenzione
Io uso questo approccio anche quando racconto una storia a un bambino. Mi è capitato con la nipotina: talvolta chiede che le venga raccontata la storia della buonanotte solo per ricevere attenzioni, ma io voglio anche che la segua con interesse e che immagini ciò che le viene raccontato. Così per prima cosa introduco l’argomento. La storia ha come protagonista un pesciolino? Le chiedo se sappia che aspetto hanno e me lo faccio descrivere, a questo punto inizio il mio racconto sapendo che nella sua mente il personaggio ha già preso forma. L’attenzione del bambino si ottiene rendendolo partecipe. Questo riguarda ogni forma di creatività, abituare i bambini a visualizzare qualcosa è solo il primo passo.

CREATIVITA’ PER GLI ADULTI
Anche noi adulti abbiamo bisogno di qualche stimolo, anche se per ragioni diverse. Siamo sempre di corsa e la fretta è la nemica giurata della creatività. Io alleno la mia mente con questi metodi:

- Guardarsi intorno e prendere appunti
Siamo circondati da tantissimi stimoli, come i bambini, però subirli in modo passivo non è costruttivo. Provate a soffermarvi sui particolari anziché essere vittime dei messaggi che ci piombano addosso. Per esempio quando passo davanti a un negozio cerco di non agire solo come un’ignara acquirente che deve essere spinta verso un acquisto, ma mi soffermo sugli allestimenti e su ciò che mi emoziona. Che cosa posso trarre da questa esperienza? Spesso capendo che cosa mi colpisce riesco a ottenere lo stesso risultato con quello che già posseggo, senza acquistare qualcosa di nuovo (e quasi sicuramente superfluo). Però spesso non basta, perché siamo martellati da troppi segnali e finiamo per dimenticarci anche le nostre stesse riflessioni. Come rimediare? Prendendo appunti. Io amo annotare tutto a mano e durante i viaggi realizzo degli schizzi di ciò che vedo, ma può essere un inizio anche solo scrivere qualche parola sulle note dello smartphone che è sempre con noi.

- Non accontentarsi della prima idea
Lo ripeteva spesso il mio primo insegnante di sceneggiatura Diego Cajelli: “Buona la terza”! Questa regola non si adatta solo alla scrittura creativa, ma a ogni ambito della creatività. Spesso ci accontentiamo della prima idea che nasce nella nostra mente, ma in questo modo sacrifichiamo tantissime alternative più efficaci. Io cerco sempre di non dimenticare questo insegnamento e applicarlo anche alle scelte meno importanti. Devo scattare una foto per Instagram? Ne scatto tre e scelgo quella che comunica in modo più efficace il tema che ho scelto. Devo mandare una proposta per un lavoro? Faccio tre sketch diversi e mando i due che mi sembrano migliori. Pensate di non avere abbastanza tempo? Ricordatevi che il tempo è perso quando si rivela infruttuoso, mentre se viene impiegato per ottenere un risultato migliore è tempo speso bene.

Siete pronti per mettervi alla prova? Buon lavoro!