martedì 29 novembre 2016

Incontri di ricamo alla Triennale di Milano

Tra un tutorial e un corso tenuto da me anche io ho voglia di imparare qualcosa, così ho deciso di colmare una delle mie più grandi lacune partecipando a un incontro di ricamo organizzato da DMC presso il Caffè Design della Triennale di Milano. Il luogo è uno dei miei preferiti perché è anche quello in cui ho tenuto i miei primi laboratori di fai da te e pittura per bambini molti anni fa. Anche DMC mi riporta alla mente dei ricordi molto lontani in quanto da adolescente realizzavo dei braccialetti macramè con le loro matassine di cotone, seguendo le istruzioni in francese di un libro regalatomi da mia sorella. Ritrovarli insieme mi ha dato una bella energia!

Lo scopo degli incontri che hanno avuto luogo a Milano è quello di trasmettere ai ragazzi la passione per il ricamo, infatti entrambi gli appuntamenti erano dedicati ai giovani under 35. Presentando due nuovi articoli, il cofanetto “Stitch Therapy” e i fogli “Custom By Me”, hanno dimostrato che questa arte è oggi ancora attuale.
Con il primo prodotto hanno strutturato un contenitore che racchiude tutto il necessario per un momento rilassante da dedicare alla realizzazione di un ricamo: una tela stampata, matassine di filo, ago, istruzioni e diversi incensi per rendere ancora più magico il momento di relax. I soggetti  sono tre diversi e a me è capitato quello con i fiori. Non vedo l’ora di avere un po’ di tempo per dedicarmici (e se non lo avrò dovrò ritagliarmelo).
Il secondo prodotto è una rivoluzione per il mondo del ricamo: si tratta di fogli adesivi idrosolubili, disponibili con disegni prestampati, bianchi o con una quadrettatura che permette di progettare il proprio ricamo personalizzato. Per utilizzarli basta tagliare la parte scelta, eliminare la pellicola protettiva e applicarli dove si è deciso di eseguire il ricamo.
Durante l’incontro avevamo a disposizione diversi fogli “Custom By Me” sia neutri sia decorati e tra quelli io ho scelto un’immagine zen per abbellire la mia canottiera estiva. Ho scelto una matassina della linea Coloris nelle sfumature del verde, azzurro e giallo e ho iniziato a ricamare sotto la guida paziente di Grazia Lazzarin che mi ha insegnato a eseguire il punto erba. Non si può dire che io sia veloce, ma sicuramente la soddisfazione di realizzare qualcosa con le proprie mani è ancora più grande quando la si ottiene con fatica! Inoltre le chiacchiere tra giovani donne sedute intorno a un tavolo hanno reso tutto più piacevole.
Adesso ho in cantiere molti progetti natalizi, il primo comparirà sulle pagine di questo blog la prossima settimana… ma so che nei prossimi mesi mi diletterò con questi strumenti per personalizzare altri capi d’abbigliamento, accessori per me e per la casa. Perché l’unico limite è quello posto dalla fantasia.